Uno sguardo nuovo

Da qualche giorno prima di andare in ufficio faccio una bella camminata per ossigenare il cervello e sgranchirmi un po’ le gambe prima di infilarle sotto la scrivania per ore.

Indosso le scarpe da corsa acquistate qualche anno fa (ero partita con le migliori intenzioni ma sono durata poco, infatti le scarpe sono ancora immacolate) e infilo l’ipod.

Osservo con occhio diverso uno spazio che pensavo conosciuto, notando elementi che erano sfuggiti al mio sguardo.

Geometrie e colori

E ovviamente non potevano mancare i fiori, che brillano al sole del mattino

Ci sono anche alcune simpatiche compagne di “viaggio”

Questo messaggio l’avevo notato da un po’ e mi ha sempre fatto sorridere. Se fosse un quadro lo intitolerei “Promessa di furto”.